“Cambiare l’acqua ai fiori”

il libro che ha scelto me e da cui mi sono lasciata trasportare. Ho terminato di leggerlo ieri sera e subito mi sono sentita un pò sola, come se all’improvviso fossi stata abbandonata “Ed ora che faccio? Chi mi racconta un’altra storia? Dov’ è andata la mia amica?

Un libro particolare, inaspettato, che mi ha fatto “ricordare” e mi ha riportato alla mente flash di quando ero bambina, quei ricordi che fanno bene al cuore. Non banale e scontato, con un messaggio di speranza sulla possibilità di migliorare la propria condizione esistenziale, dove non mancano attimi di divertimento, ma non eccessivo. Un momento ti intristisce e ti fa scendere la lacrima, ma subito dopo ti distrae con un aneddoto nuovo e ti strappa un sorriso, tra i tanti messaggi fa passare, con estrema semplicità, l’importanza di leggere ed ha un finale quasi sorprendente. Un libro che, inizialmente, potrebbe anche non piacere, ma se ti lasci guidare ti cattura.

Perché si va verso certi libri come si va verso certe persone? Perché siamo attratti da determinate copertine come lo siamo da uno sguardo, da una voce che ci sembra conosciuta, già sentita, una voce che ci distoglie dal nostro percorso, ci fa alzare gli occhi, attira la nostra attenzione e cambierà forse il corso della nostra esistenza?

“Cambiare l’acqua ai fiori” è delicato e gentile, dalle buone maniere, sempre che lo si possa dire di un libro, ma in realtà il libro è la protagonista stessa cioè “Violette”, che racconta, intrecciando passato e presente ed in prima persona, la storia della sua vita, svelando man mano i motivi e gli eventi che l’hanno portata a diventare custode di un cimitero, come se la raccontasse al suo migliore amico. Lo fa con la gentilezza, la delicatezza e l’ottimismo che caratterizzano il suo personaggio, che, per quanto abbia un carico di dolore enorme, riesce a mantenere, quasi sempre, una certa compostezza, anche nell’affrontare la narrazione dei suoi momenti più difficili che, partendo dalla sua nascita non desiderata, sono tanti. Violette non racconta solo se stessa, ma anche la storia di vite che hanno trovato il loro riposo eterno nel cimitero di cui lei è la custode. Un cimitero che, paradossalmente, è vivo, così l’ho percepito, e a dargli vita è anche la presenza di tanti personaggi tutti ben caratterizzati, non è solo un luogo di tristezza e morte, ma può essere anche altro … un luogo dove anche l’ottimismo e la meraviglia, tipici di Violette, trovano il loro spazio.

Crescerai in un altro modo nell’amore che avrò per te. Crescerai altrove, nei mormorii del mondo, nel Mediterraneo, nell’orto di Sasha, nel volo di un uccello, con l’alba e col tramonto, in una ragazza che incontrerò per caso, nel fogliame di un albero, nella preghiera di una donna, nelle lacrime di un uomo, nella luce di una candela. Dove sarà il mio cuore, il tuo continuerà a battere.

Valérie Perrin, l’autrice, ci ha fatto dono di una storia travolgente che regala un caleidoscopio di emozioni anche contrastanti. Inoltre, grazie alla lettura scorrevole, ci si trova “quasi” immersi in una commedia francesce, di cui, almeno io, nel corso della lettura ho respirato l’atmosfera.

Il giallo delle pagine mischiate

Questa mattina ho letto un libro, un libricino, un libretto, non saprei. Sono solo 123 pagine, un libro che mi ha lasciata basita, divertita, incuriosita, un libro che ha raggiunto il suo scopo. Onestamente c’ho capito molto poco, però mi sono divertita nella lettura e lo rileggerò una seconda volta per vedere se riuscirò a dargli un senso.
L’ho trovato sul comodino di mio marito e mi ha, da subito, intrigata la copertina su cui c’è anche attaccato il bollino con il nome della libraia della Feltrinelli che l’ha consigliato, e mi sono anche chiesta “Chissà se ha gusto nel consigliare?”

Leggere è andare incontro a qualcosa che sta per essere e ancora nessuno sa cosa sarà.
(Italo Calvino)

Una volta preso in mano anche la carta mi ha dato subito una bella sensazione tattile e a quel punto non ho resistito, lasciato il fare e il da farsi mi sono distesa sul letto, ancora sottosopra, e mi sono immersa nella lettura fino a dimenticare il pranzo “Oh mà? Non si pranza oggi?”
È un libro bizzarro, un giallo un pò strambo, di cui al momento non mi è chiaro molto, ma che ha raggiunto il suo scopo, tenermi impegnata a leggerlo fino alla fine in uno stato di attesa e di divertimento, l’attesa di capirci qualcosa e il divertimento per non averci capito nulla.
Si tratta di un libro nel libro e forse ancora nel libro, un pò come il gatto che si mangia la coda, ogni libro in qualche modo ti riporta all’altro libro. Sono due filoni narrativi nella stessa storia e, mentre di uno si segue un filo logico, dell’altro, il giallo, che è il protagonista della storia, non esiste un ordine e la storia è proprio qui, nelle “pagine mischiate”, nel fatto che regni il caos, quindi continui a leggere pensando che prima o poi il caos prenderà un ordine.
Esiste una storia, anzi 2 e forse anche 3, la terza lasciata più all’immaginazione di chi legge, ma dico solo che è ambietata a Parigi, non dico altro, non voglio fare spoiler, mi serve dire di Parigi perchè, a tratti, ho avuto quasi la sensazione di leggere un qualcosa di Daniel Pennac, non so se proprio perchè c’è Parigi di mezzo o se per i nomi dei personaggi o i personaggi stessi che mi hanno riportato alla mente alcuni dei suoi o forse, un pò, anche il modo di scrivere, con precisione non lo so, ma è stata la mia sensazione.
L’autore è Pablo De Santis, di Buenos Aires, del 63. Non lo conoscevo, ma ho letto nella biografia in fondo al libro che è un importante e famoso autore conosciuto in molti paesi. Ho visto anche che il libro è catalogato come libro per ragazzi, non lo sapevo, ma anche se non sono più una ragazza mi è piaciuto lo stesso.
Cosa dirvi ancora? Buona lettura se decidete di leggero, io lo rileggo di nuovo provando a dare un ordine ai capitoli e magari chissà, potremmo confrontarci e vedere se abbiamo dato lo stesso ordine, ma può rimanere anche disordinato com’è, resta comunque un libro gradevole, del resto “il disordine non è sempre caos. A volte è un altro ordine. Però segreto” lo ha detto l’autore, mica io!