Donne contro …

Ieri, su fb, mi sono trovata ad assistere ad un episodio veramente spiacevole, che mi ha lasciato una serie di sensazioni negative al punto che questa notte non riuscivo a non pensarci e quindi nemmeno a prendere sonno.

In un gruppo ho assistito ad un “pestaggio” virtuale. Quasi tutte donne che si sono scagliate contro un’altra donna, tirando fuori una cattiveria che credo non potrei avere nemmeno nei confronti del mio peggior nemico.

L’hanno ridicolizzata e aggredita dando sfogo ad un astio inopportuno e inopinato rispetto alla situazione.

Forse donne che non sono in pace con loro stesse e nemmeno con il mondo, ma, purtroppo, sono state il classico esempio di utenti che, sovente, trovano voce nei social.

Hanno inveito senza nemmeno cercare di capire cosa questa donna volesse dire con il suo post, perchè si è nato tutto da un post che lei ha pubblicato.

Aveva messo un’immagine sicuramente discutibile, ma aveva anche aggiunto un intervento in cui diceva che aveva seri dubbi su quanto scritto nell’immagine. Forse non sarà stata precisa nell’esprimersi? Personalmente io l’ho inteso che non approvava e lo sforzo da fare per capirlo è stato minimo.

Probabilmente nessuna delle donne in questione si è preoccupata di leggere la frase che accompagnava l’immagine, ma si sono subito sentite offese da quest’ultima, hanno mandato al diavolo le buone maniere e si sono comportate ne più, ne meno come “gli uomini brutali quelli che cercano solo il sesso” (il motivo della discussione), in tutto il caos i commenti degli uomini erano tutti decisamente più scherzosi, avevano capito il senso del post.

Sono stupita di quanto le donne,  che lamentano spesso la scarsa sensibilità e comprensione degli uomini, possano arrivare, loro stesse, a tale mancanza proprio nei confronti di una di loro.

A poco è servito il tentativo di un’altra utente affinchè tutti leggessero il post per intero … ormai il film era partito.

“Questo è il bello dell’anarchia di Internet. Chiunque ha diritto di manifestare la propria irrilevanza”
Umberto Eco

“Oggi cucino io!”

“Si vabbè!” La mia risposta all’affermazione di mio figlio.

Dopodichè, mentre mio figlio mi diceva “Quando torni devi insegnarmi a fare le tagliatelle” sono uscita di casa per affrontare una mattina impegnativa.

Alle una ero ancora in macchina e lungi da me era il pensiero del pranzo e dell’insegnare a mio figlio a fare le taglietelle, anche perchè avrei bisogno di imparare anch’io.

Una delle cose che, però, ho cercato di trasmettere ai miei figli è l’arte di arraggiarsi. Se il frigo è pieno, qualcosa da preparare per pranzo, cena o merenda si trova sempre, quindi mio figlio di fame non sarebbe morto.

Alle due, rientrando a casa, ho ho dovuto prendere coscienza  di potermi ritirare su un eremo. Perlomeno ai pasti, non c’è più bisogno di me.

Ho trovato, in tavola, un bel piatto di fettuccine all’Alfredo (non so con precisione quale sia il condimento), ma l’aspetto era invitante.

Mannaggia alla dieta, mi son dovuta limitare ad apprezzarne l’aspetto, ma il papà mi ha confermato che erano buone.

Non so se ha vinto l’arte di arrangiarsi o il fatto che la strada per l’indipendenza passa anche per lo stomaco, ma il figliolo di fame non è morto e io ho fatto un ulteriore passo avanti verso la mia indipendenza.

“I tempi duri non durano mai, ma le persone toste sì!”
(Robert Schuller)

È finita … finalmente

Ed anche la terza maturità (4 con la mia)  della mia vita si è conclusa. 

Dopo aver passato buona parte della mattina al pianoforte, probabilmente per vincere l’ansia, il più piccolo dei miei ragazzi è andato a sostenere l’esame orale, “Com’è andata?” “L’ho zittiti tutti!”, questo mi fa ben sperare, chiudendo così il cerchio delle scuole superiori nella mia famiglia.

Fare tre volte le elementari, tre le medie e tre le scuole superiori sono oltre trent’ anni di storia, geografia, fisica, matematica, italiano, disegno ecc, ecc. Trent’anni che tutte queste materie, quando più, quando meno, sono andate e venute nella mia mente. Trent’anni che si da la caccia al libro o al quaderno se non addirittura allo zaino o all’abbonamento dell’autobus “Mamma hai visto il mio libro di storia?” “Mamma mi hai spostato il quaderno di italiano?”. Trent’anni spesi a far capire ai ragazzi che lo studio, al di là di quelle che saranno le loro scelte lavorative o di vita, è importante perchè avere una testa pensante e saperla usare rende liberi. Trent’anni spesi a insegnargli il rispetto nei confronti dei professori, bidelli, compagni, anche di quei professori che forse non lo avrebbero meritato, ma il compito di un genitore è calmare le acque e non agitarle.

Finalmente oggi, dopo trent’anni (chissà me la daranno la pensione?), posso dire basta, staccare la spina e rilassarmi, lo so saranno solo 5 minuti di relax, ma voglio prendermeli tutti.
Cinque minuti per dimenticare, si fa per dire, Dante e Beatrice, Renzo e Lucia, il triangolo di Tartaglia, equazioni, funzioni, tangenti, meiosi, mitosi, il registro elettronico, i voti, le giustificazioni, le scuse ed anche alcuni professori che per nulla onorano la scuola italiana – poi mi prenderò del tempo per ringraziare quegli insegnanti che ogni giorno hanno onorato e onorano la loro professione.

Finalmente è finito il tempo del dire “Hai studiato?” “Ti sei preparato per il compito?” “Veloce che perdi l’autobus!”, delle file interminabili per parlare con i prof, la cosa che ho odiato di più in tutti questi anni, in particolare quando avanti a  me trovavo il genitore che monopolizzava anche il mio tempo, delle chat chilometriche con i genitori, che non hanno mai portato ad un nulla di fatto, ma solo ad una valanga di
notifiche.

Per quanto questa conclusione sia stata incerta e bislacca, vi assicuro non solo per colpa del Covid – la scuola spesso ci mette del suo per essere incomprensibile tanto agli alunni quanto ai genitori (immagino anche ai professori) -, finalmente è arrivata ed io sono felice, felice, felice.

Nuovo giro di boa e via verso altre mete e orizzonti.

Inizia il mio ruolo di mamma che aiuterà il piccolo a lasciare il nido per vivere lontano da casa la sua nuova avventura di studente universitario, che sarà completamente una sua responsabilità, e, subito dopo, mi metterò in moto con alcuni progetti che ho in mente per sfruttare al meglio il tempo che, dopo anni, tornerà ad essere completamente miooo!

anche per me!

Che chat!

Proseguo con la serie del “Che … “, ma gli astri continuano a burlarsi di me. Ieri sera dopo qualche anno che non utilizzavo la chat di facebook, chissà per quale scherzo del destino, macchè destino,  forse per il mio buon cuore o per la stronzetta che è in me, mi sono ritrovata coinvolta in una chat che è andata dallo sconcertante, all’allucinante con tratti sparsi di esilarante.

La storia in realtà è cominciata due sere fa. Un tipo mi ha attirata nella chat di Fb, ed io ci sono cascata con tutte le scarpe, utilizzando una frase che avevo condiviso in un gruppo in cui mi ha invitata una mia amica. Abbiamo scambiato poche parole, ma quando il tipo mi ha salutata con un “Buona notte farfallina svolazzante” ho pensato  “Questo è fuori” e mi sono data dell’imbecille per aver risposto. Anche perché, già nel gruppo, leggendo i post che pubblicava avevo avuto l’impressione che qualcosa non andasse, sicuramente la mia prima sensazione era stata che il soggetto fosse molto autocentrato.

Poichè all’imbecillità non c’è mai fine ieri sera ci sono cascata di nuovo e sempre con lo stesso tipo, veramente ci sono voluta cascare, dovevo capire fino a che punto può arrivare l’idiozia.

Mentre chiacchieravo su whatsapp con una mia amica, quella dell’invito nel gruppo, mi appare la notifica di messenger in cui lui mi chiedeva se c’ero. “Assolutamente no” ho pensato e ho continuato a farmi i fatti miei, anzi ho anche messo in guardia la mia amica sul tipo in questione. Dopo un po’ un’altra notifica, al che penso  “Vabbè gli rispondo e lo liquido velocemente”. Non l’avessi mai fatto! È iniziata la chat più assurda della mia vita. Più di una volta mi  sono ritrovata a non sapere cosa rispondergli. Cercavo di copiare quello che mi scriveva per far ridere la mia amica, ma in quella maledetta chat di facebook quando selezioni appaiono le emoticon immediate da inviare, una volta, non volendo, mi è partito un cuore “nooo aiuto ora non me lo spiccico più di dosso”, una volta il pollice verso mi ha  subito chiesto spiegazioni sul perché non condividessi il suo pensiero “No scusa è stato solo un errore, o quasi!” quando mi è partita la faccina che s’ammazza dal ridere “Ti sono antipatico?” “Ehm nooo, ma scherzi tu antipatico come un sasso in una scarpa? Ma nooo!”. Ogni tanto tra una farneticazione e l’altra lo fermavo con una scusa, durante la chat mi hanno telefonato tutti e tre i miei figli, Quarantenastyle, mia sorella e mia mamma, quest’ultima direttamente dall’aldilà “Ma ricevi sempre così tante telefonate?” “Eh si scusami, ma il mio telefono è un centralino”, mi sono alzata a bere almeno 5 volte, sperando che rinunciasse, ma non riuscivo ad essere io la cattiva che diceva “basta non ne posso più!” ad uno che cercava di aprire un varco impossibile a suon di versi.

“Quando l’uccellino si posa sulla farfallina non ti piace? Vuoi un rude condottiero o un poeta che ti apre nuovi varchi. Il poeta è lungimirante e fa luce nelle segrete stanze”

e poi dovevo far ridere la mia amica, la mia mission, quindi l’ho lasciato poetare, solo ogni tanto aprivo la chat e rispondevo con un monosillabo.

Ma ad un certo punto la chat ha preso una piega decisamente osè e per poco mi faccio la pipì addosso dal ridere, in realtà anche per tutta l’acqua bevuta nel frattempo.

” Allora bisogna soltanto vedersi per vedere se ci saranno dolci primavere. Dove al solo sguardo, tutto sgorga in maniera ineluttabile. E al solo sguardo tutto zampilla quando scocca la scintilla.”

Tutto questo sgorgare e zampillare al primo sguardo, m’ha fatto pensare ad uno che  soffre di eiaculazione precoce, ma magari mi sbaglio e sono solo poco poetica.

“Ma che minchia ti è preso che vai scrivendo?” questa la mia amica, sicula,  quando le ho incollato la chat sopra, appena zampillata.

“Prendila con ironia in fin dei conti è solo poesia.” Il tipo alle mie faccine perplesse

Ad un certo punto ho anche pensato di chattare direttamente con un “bifidus attivo”,  uno di quei milioni che facevano tanto bene all’intestino della Marcuzzi

“Se la farfallina ha voglia di volare, volermo insieme, fa bene anche per la flora intestinale. Diventeremo batteriologicamente puri, che ne dici mi contraddici?

“Io contraddire te? Sia mai!”

“Io sfarfallo te tu sorseggi me, poi ci sorseggeremo insieme, non è arte è natura!” Scrive il tipo

“Eccerto  non è  arte, ma nemmeno natura e tantomeno poesia  è che mi sembri proprio sfarfallato!”

“A mali estremi, estremi rimedi”

Prima di accettare l’invito avrei dovuto controllare la finalità del gruppo che, oltretutto, con il nome del gruppo non c’azzecca proprio nulla.

“A volte occorre conoscersi  proprio per non incontrarsi”  (Libera-mente)

Per chiudere il cerchio dello sfarfallamento vi dedico anche una canzone …

Ovviamente il primo che nei commenti scriverà farfallina sarà bannato l’articolo è già farfalloso di suo 😁

L’immagine in evidenza “Farfalla” di Andy Warhol

Che compleanno …

per fortuna ne sono uscita viva!

Ieri sera in famiglia si è festeggiato un compleanno.

Il mio caro maritino, che tanto ino nemmeno è, ha compiuto gli anni.

Temo, però, che ieri sopra il cielo di casa mia ci sia stata una qualche congiunzione astrale poco propizia, o, fatto molto più probabile, che questa congiunzione sia li da qualche mese, perchè altrimenti non so come spiegarmi il gran caos che è uscito fuori dal festeggiamento di ieri sera, ma anche dall’ultimo periodo della mia vita.

Ero partita dal mattino con tante buone intenzioni per organizzare una festa a sorpresa, pensando, pure, di andare contro  legge ed organizzare un bell’assembramento, anche se, in casa mia, con noi congiunti stretti e pochi congiunti prossimi  l’assembramento è già compiuto.

Mentalmente, nell’organizzare, avevo preparato anche una bella cena, con dolce finale, candeline e spumante, dico mentalmente, perchè una serie di sventure nel corso della giornata mi hanno costretta ad ordinare sia la cena che il dolce, alla fine di mio c’è stata solo la tovaglia, se non altro stirata a dovere.

Quindi già prima della cena di sventure ne avevo accumulate un pò, ma evidentemente agli astri, o alla sorte, o a non so chi, non erano bastate e arrivati quasi all’ora della festa è entrato in casa mio figlio, quello (forse) ancora sposato, il forse pare sia colpa del lockdown, ma questa è un’altra storia, agitatissimo, anzi incazzato nero, che discuteva al telefono con la suocera. Ho cercato, invano, di calmarlo a gesti, ma senza fortuna. Sarebbe dovuto  andare a ritirare la cena che avevo ordinato,  al dolce per fortuna avevo pensato io, ma  la telefonata non era per finire entro breve. Mio figlio era un fiume in piena, evito di pensare ai danni che avrà fatto l’inondazione, temo li valuteremo presto. Mi serviva, quindi, una soluzione diversa, al che mi sono vista costretta a telefonare a mio marito e chiedergli  se, ritornando dal lavoro, poteva passare a ritirare la cena e pagarla pure, mandando, così, a monte la sorpresa. Ovviamente, il poveretto non si è potuto rifiutare, deve aver capito che più che una richiesta era un ordine. Arrivato a casa il festeggiato gravato da pacchetti, valigetta e stanchezza, l’ho liberato dei pesi e, senza nemmeno dargli il tempo di parlare, l’ho spintonato nello studio dove si stava consumando la tragedia con il figliolo, che ancora discuteva al telefono, affinché provasse lui a tranquillizzarlo. Per fortuna c’è riuscito.

Finalmente, calmate le acque, concesso al marito il tempo di riprendersi e rilassarsi un pò ci siam seduti tutti a tavola per iniziare la cena. Non appena il festeggiato ha esordito chiedendo “Com’è andata la giornata?” … aiuto!

Ha iniziato l’altro figlio,  fino a quel momento apparentemente calmo, nel dire in maniera molto concitata che voleva denunciare un prof con cui la mattina aveva avuto una discussione in chat. Apriti cielo è scoppiata una guerra con due eserciti che si contendevano l’ultima parola: uno quello di mio marito che, anche se era l’unico soldato, con il suo tono perentorio faceva per 10  “ti pare denunci il prof?” ecc, ecc, e l’altro quello dei ragazzi, sempre solidali a prescindere, “Sì va denunciato basta angherie!” una battaglia combattuta da tutti con impegno, in cui, non ho capito come, è riuscito ad intromettersi  via telefono e in vivavoce anche l’altro figlio, quello che vive lontano, nel suo ruolo di avvocato del diavolo, ma c’era un tale casino che non ho più capito nemmeno il diavolo dove fosse, forse era a fare i coperchi alle pentole perchè anche lui non ne poteva più di  tutto quel caos.

Mentre le parole volavano e si scontravano ho guardato a lungo le birre fresche sul tavolo pensando potessero essere la soluzione per non sentirli più, ma, non essendo una bevitrice, non era il momento giusto per cominciare, quindi, ho sopportato il tutto senza intromettermi.

Siamo, comunque, riusciti ad arrivare al momento del dolce, a cui avevo invitato gli altri congiunti prossimi, quindi l’assembramento era ormai completo, ma poteva andare bene? Ovvio che no. Nel tentativo di sdrammatizzare i toni della serata ho tentato, con un pò di spiritosaggine da parte mia, di tirar fuori il dolce dalla scatola con maestria e dopo aver cercato di tenerlo in equilibrio, invano, su un sollevatorte ne ho spiaccicato metà sulla tovaglia, tanto con il covid in giro le candeline non si potevano nemmeno mettere e tantomeno spegnere (parola di “Precisetti” vedere tra i vecchi articoli) …

Non ci è rimasto che stappare lo spumante, per fortuna senza rilevare feriti o altro, e brindare alla famiglia squinternata che riusciamo ad essere quando gli astri bisticciano tra loro e al fatto che festeggiare  in tanti, nonostante tutto, è bellissimo, ma, nella stessa misura in cui,  sarebbe bellissimo scappare a gambe levate a festeggiare il compleanno su un’isola deserta in stile Robinson Crusoe

Auguri maritino giuro che il prossimo compleanno, per il mio e il tuo bene, sarà migliore … non lo festeggeremo … off course!

“Famiglia. Il luogo dove siamo trattati meglio e dove si brontola di più”. (John Garland Pollard)

Tratto da una storia “quasi” vera 😁

In attesa di quel raggio di sole …

Il cielo, questa mattina, è cupo come lo sono io. E’ stato dipinto in tutte le sfumature del grigio. In alcuni tratti più chiaro, in altri più scuro, macchie che si alternano da est ad ovest per creare un movimento che non c’è, tutto sembra immobile, quasi irrisolvibile.

Il paesaggio riflette tutti quei grigi ed ora comandano sugli altri colori, che si sono nascosti, si son presi una pausa. Forse sono stanchi anche loro.

Un lampo, ad un tratto, squarcia il cielo ed accende tutto, regalandomi un’istantanea di grigi brillanti, ma è giusto un lampo, rivoli di pioggia cominciano a scorrere sull’immagine rimescolando tutto, dando vita ad un nuovo dipinto, ma più indefinito.

Osservo … in attesa di quel raggio di sole che possa risolvere tutto.

Ringrazio per l’immagine la mia cara “sister” che ha capito subito cosa volessi.

Tana libera tutti …

Finalmente è tana libera tutti!

“I dati della curva epidemiologica ci confermano che il sistema di controllo del contagio sta funzionando. A circa un mese dal 4 maggio, quando vennero decretate le prime riaperture, i numeri sono incoraggianti”

Ci meritiamo il sorriso e l’allegria dopo mesi di sacrifici”

Possiamo girare l’Italia da nord a sud, isole comprese, possiamo tornare a prendere treni, tram, autobus, aerei. Si può andare in spiaggia, previa prenotazione presso lo stabilimento. Per quelle libere non sono contemplate spiagge pollaio, ma almeno 10 metri quadrati ad ombrellone che non è, nemmeno, un’idea malvagia. Ho sempre mal sopportato stare troppo appiccicata agli altri, motivo per cui frequento la spiaggia ad orari piuttosto improbabili e senza ombrellone perché, più della spiaggia, mi interessa l’acqua. Chi misurerà i 10 metri quadrati o la distanza di un metro e mezzo tra sdraie o lettini? Si dovrà andare muniti di metro? Vabbuò oggi nei cellulari abbiamo di tutto installeremo, oltre ad “Immuni” anche il “metro” “Ehi tu? … più in la … ancora un pò … su mancano ancora un paio di cm”

Possiamo andare al ristorante, al bar, in pizzeria, tornare nei musei, secondo precise linee guida, e, dal 14 giugno, dovrebbero riaprire anche teatri, cinema ecc. ma, in tutto questo ambaradan di riaperture, non abbracciatevi o baciatevi e mantenete la distanza sociale a meno che non siate congiuntissimi, perché non si può. Propongo all’uopo un minuto di silenzio per gli amanti che dovranno continuare a nascondersi a oltranza o a tenersi a distanza.

Tutto riapre ma, anche se c’è chi si affanna a sostenere il contrario, il virus c’è ancora, io lo penso, ma il primo ministro

“Ci meritiamo il sorriso e l’allegria dopo mesi di sacrifici. Ma il virus non è scomparso

lo conferma. Inoltre, nei primi due minuti del suo discorso, ha detto anche un’altra cosa importante

“Non ci sono situazioni critiche né di sovraccarico delle strutture ospedaliere su tutto il territorio nazionale”

e ciò, fatto il paio con la questione che negli ospedali vige ancora lo stato di emergenza, mi ha dato da pensare … liberi tutti tanto gli ospedali ormai son quasi tornati alla normalità possiamo riempirli di nuovo, magari mi sbaglio, anzi spero tanto di sbagliarmi, ma intanto non baciatemi, non toccatemi, non abbracciatemi posso resistere ancora un bel pò con me stessa, senza mare, senza musei, senza prendere tram, aerei, treni e metropolitane, passeggiando in solitaria e spostandomi con la mia auto se necessario, per il ristorante sto sperimentando alla grande la consegna al domicilio (il mio piccolo contributo per far girare l’economia).

Suvvia … liberi tutti!!! … ma senza abbandonare la prudenza!

“La prudenza ha un solo occhio, il senno di poi ne ha tanti” (Goethe)

Inizio …

Oggi è un inizio! Inizio di giugno, inizio di una settimana, sicuramente anche l’inizio di qualche nuova vita animale, vegetale, umana o fantastica, al momento in cui scrivo 248.500 nuovi neonati iniziano la loro vita, sarà, anche, l’ inizio di qualche amore, di qualche amicizia.

Un inizio va celebrato. Un mio amico inglese aveva l’abitudine il primo giorno del mese, la mattina, appena aperti gli occhi, di dire “White rabbits! White rabbits! White rabbits!” sembra garantire buona fortuna per tutto il mese. Mi diceva fosse un’usanza tipica della Gran Bretagna, inoltre faceva a gara con sua figlia a chi dava un puffetto per primo all’altro, ma questa credo fosse una loro abitudine. Quando inizia il mese, ogni tanto mi capita di ripensare a tutto ciò come stamattina quando ho pensato “lunedì primo giugno … siii … White Rabbits!” e allora ho deciso di dover celebrare questo inizio di mese e di settimana.

Che mi invento? Come lo celebro? Se non fosse che con la dieta ci sto già dando sotto, poteva essere il giorno perfetto per cominciarla, il primo del mese e pure lunedì, perchè le diete si iniziano sempre di lunedì, non si sa di quale anno, basta che sia un lunedì. Ho anche pensato al mio appuntamento dal parrucchiere “ma che inizio è un appuntamento con il parrucchiere? Solo se mi facessi tingere i capelli di rosa o di blu o l’intero arcobaleno altrimenti non vale come celebrazione e non può essere da me una stravaganza del genere!”

Allora, dopo tanto pensare, ho celebrato con la cosa più scontata che potessi fare, ebbene si sono una persona scontata, vado dallo stesso dentista da ben trenta anni, dallo stesso parrucchiere da venti anni, prima non ci andavo proprio, dopo trenta anni sono stata costretta a cambiare ginecologa perchè la mia è andata in pensione e non vi dico il trauma, quindi, per non fare qualcosa troppo al di fuori dei miei standard, onde evitare qualsiasi trauma, ho iniziato il mese camminando, come facevo fino a qualche mese fa, ante lockdown!

Stamattina sono andata a trovare i miei amici al parco, li ho salutati alla giusta distanza ed, equipaggiata di mascherina ed occhiali da sole ho fatto un paio di giri e, immersa nel verde, ho salutato l’arrivo di giugno, ripromettendomi che da oggi sarò li ogni giorno e non ci sarà scusa alcuna che terrà inchiodato il mio culo al letto oltre le 6 del mattino … mi debbo allenare o no per il “cammino” che desidero tanto fare?

“White rabbits! White rabbits! White rabbits!” e buon inizio a tutti!

“L’unica gioia al mondo è cominciare. E’ bello vivere perché vivere è cominciare, sempre, ad ogni istante”
CESARE PAVESE

“Mamma vieni a fare un giro?”

… e poi succede che il figlio ormai trentenne ti invita a fare un giro e, anche se sei stanchissima perchè hai passato la giornata a lucidare la casa, stirare, cucinare come se non ci fosse un domani, sai di non poter dire di no.

Velocemente ti agghindi per non sembrare proprio uno spaventapasseri e nel giro di due minuti il tuo culone è sul sedile del passeggero, il motore romba e il giro ha inizio.

È un giro senza parole quello a cui sono stata invitata, mio figlio ha solo voglia  di guidare e ascoltare musica e io di fargli compagnia e ascoltare la sua musica.

Insieme ci troviamo,  siamo due tipi piuttosto silenziosi che si capiscono anche dai silenzi.

È molto bello sfrecciare per la campagna umbra a ritmo di bellissime canzoni, passare in mezzo ai paesini che sono l’orgoglio della nostra regione sia per la loro bellezza, sia per come vengono valorizzati da chi li vive, ma l’emozione grande è arrivare al lago al tramonto. Puntata la telecamera del cellulare sul panorama che abbiamo di fronte, immersi nel silenzio, rotto solo dal canto di qualche uccellino, ci sediamo in prima fila e non perdiamo nemmeno un minuto dello spettacolo che ci viene regalato.

Nel periodo tempestoso che vivo ultimamente il “giro” con mio figlio è stato un momento magico e oggi mi è venuta voglia di esprimere in qualche modo la magia che ho sentito.

Ho pensato di unire due momenti del nostro “giro” che mi sono rimasti dentro … una canzone che non avevo mai ascoltato e che, per ora, non riesco a togliere dalla testa e l’altro …  è inutile ve lo dica

“Non c’è niente di più musicale che un tramonto.
(Claude Debussy)

Viva l’Italia … dove il “rispetto”è un optional

Bellissima ieri la mia città, anzi bellissima sempre, ma ieri quel passaggio delle freccie tricolori l’ha resa emozionante.

Lodevole l’iniziativa di voler lanciare un segnale di speranza all’Italia intera pennellando i cieli delle città con i colori della nostra bandiera considerando anche l’imminenza della festa del 2 giugno. Faccio uno sforzo e taccio su costi, crisi economica, speranza in altri messaggi, ecc, ecc.

Non riesco però a tacere su quanto sia stato meno bello lo spettacolo, rimandato dalle foto o video, dell’assembramento che si è formato a causa dell’afflusso di persone nel nostro, non grande, centro storico che ha scatenato anche una discreta polemica. Non riesco ad imputare la responsabilità di tale assembramento al sindaco, non è sua l’iniziativa di far passare le frecce nel nostro cielo e non poteva nemmeno sprangare le porte delle case e non far uscire nessuno, se proprio vogliamo trovare un capro espiatorio, l’iniziativa è del governo che però, non mi sento di condannare più di tanto. Per come la vedo io la maggiore responsabilità sta nell’ignoranza delle persone, nella grande ignoranza che hanno di ignorare le regole e nella poca conoscenza della parola “rispetto”.

“Erano ad un metro di distanza, c’erano i vigili del fuoco a controllare e basta di star sempre a giudicare” ho letto nei social. Non lo so se erano ad un metro, due o tre di distanza e ammetto che le foto possono essere ingannatrici, ma erano tanti per una città come la mia, dove, oltretutto, non più tardi di 3 giorni fa il sindaco si è visto costretto a decretare la chiusura alle 21 di tutti bar, pub, e locali simili, a causa dell’ assembramento formatosi nel weekend e di una rissa tra giovani, le cui immagini hanno fatto il giro d’italia come le frecce tricolore, che si è svolta in pieno centro nel bel mezzo dell’assembramento, con un ferito trasportato in ospedale e risultato anche positivo al virus.

Il lockdown è terminato, la fase 1 uno anche, sta per ferminare la fase 2, ma, se andiamo avanti così, inizierà la fase 3? Vorrei non giudicare, ma le regole sono le regole e vanno rispettate se non per noi stessi, almeno per gli altri. Inoltre, di tutti quegli “angeli” tanto osannati e venerati nel lockdown ci siamo già dimenticati? Gli dobbiamo rispetto perché sono sempre li, sotto alle loro armature che non possono togliere perché per loro è ancora emergenza, a sperare di non ritornare ai numeri dei giorni passati ed allo stress che hanno vissuto.

Il passaggio delle frecce l’ho guardato dal mio terrazzo, assembrata con mio figlio ed il mio pelosetto, ma è stato emozionante lo stesso.

Segui sempre le 3 “R”: Rispetto per te stesso, Rispetto per gli altri, Responsabilità per le tue azioni.
(Dalai Lama)