“Il catalogo delle donne valorose”

Mai e poi mai avrei pensato che leggere un catalogo potesse essere interessante e illuminante.

Se penso ad un catalogo il primo che mi viene in mente è quello di Ikea, il secondo quello dei premi conad, poi “il catalogo premi è scaduto” del corso di scrittura, che mi sta ancora facendo impazzire nel tentativo di tirarne fuori una storia che ho ben delineata in mente, ma che richiede di dover fare delle ricerche per poterla scrivere e altri che nella vita ci si trova a consultare per un acquisto o altro.

Quindi, quando qualche giorno fa, mi è stato regalato “Il catalogo delle donne valorose” di Serena Dandini, di cui non conoscevo l’esistenza, l’ho sfogliato subito con estrema curiosità.

Un catalogo con storie di donne che nella loro vita si sono distinte per tanti motivi, donne coraggiose e intraprendenti che hanno creduto e portato avanti i loro ideali con forza, ma che, difficilmente, troviamo citate nei libri di storia o a cui raramente è stato riconosciuto il valore delle loro idee o azioni. Donne inserite in questo catalogo perchè, per ognuna di loro, qualche vivaista ha creato una rosa che le ricordasse portando il loro nome.

Storia dopo storia, o rosa dopo rosa ho conosciuto trentaquattro donne valorose.

Alcune mi erano note, altre no, ad alcune mi sono sentita più vicina ad altre meno, ma ciò non toglie che ognuna di loro, presa nel contesto storico e sociale in cui ha vissuto, è stata all’avanguardia per gli ideali, lotte, scoperte, studi o ricerche, che in alcuni casi sono ancora di attualità. Penso, in particolare, alle lotte per affrancarsi come donne libere e indipendenti che tante donne ancora combattono.

Perchè diciamocelo chiaramente, essere donne non è sempre così facile come essere uomini, specialmente essere donne valorose, gli ostacoli ancora ci sono, superarli richiede sacrifici e salire sul podio del riconoscimento è ancora molto difficile.

Il piccolo inconveniente da secoli è che non c’è nessun podio o inno pronto ad accogliere queste vincitrici, né tantomeno una medaglia da appuntar loro al petto. È un annoso argomento che studiose molto più autorevoli di me hanno già posto all’attenzione mondiale: per semplificare la pratica potremmo dire che, mentre l’Uomo Invisibile è diventato una star cinematografica, le donne spesso sono invisibili e rimangono tali.

Un libro che andrebbe letto da tutte le donne, ma anche dagli uomini che capiranno di che tempra son sempre state le donne anche se di secoli passati, sempre lungimiranti, scaltre, intraprendenti, allora come ora.

Ma quante donne, nella vita di ognuno di noi, meriterebbero una rosa che le ricordi? Personalmente mi vengono in mente le mie nonne, mia mamma. Nelle loro vite, semplici e complesse all’unisono, sono state donne di grande valore, che mi hanno insegnato molto. Penso anche ad alcune mie amiche che non hanno avuto per nulla vite semplici, ma hanno trovato la forza di farcela, superare gli ostacoli e uscirne più forti, anche quelle che, tutt’ora, stanno lottando e spero ce la faranno, si una rosa anche per tutte loro che resteranno sconosciute al mondo, ma non a me.

Ci vorrebbe una rosa che si chiami “donna valorosa” per tutte quelle donne che non saranno mai in nessun libro, ma saranno le eroine del loro piccolo mondo.

“È facile per una donna essere valorosa. Il salto mortale per tentare di mettere insieme casa, lavoro (sempre se si riesce a trovarne uno), magari figli e cure sparse a parenti vari… già dovrebbe far scattare una decorazione al merito.”

“I cieli di Philadephia” di Liz Moore

Un libro con una partenza diesel, almeno per me, che ho faticato ad entrare nella storia e un paio di volte sono stata tentata di abbandonarlo. Ringrazio, però, la mia determinazione a dover portare a termine ciò che inizio perché, ad un tratto, mi sono trovata catapultata in un bellissimo romanzo, di cui, successivamente, ho faticato ad interromperne la lettura per dedicarmi anche ad altri impegni. Quando il motore è entrato a pieni giri, non sono mancati colpi di scena e azione ed anche il finale è stato, per me, una vera sorpresa.

“I cieli di Philadelphia” è un romanzo giallo, ma non solo, è un romanzo psicologico e di formazione in cui si mescolano, fino a fondersi in alcuni momenti, la storia familiare della protagonista, di sua sorella e un caso di polizia. E’ ambientato a Kensington, quartiere degradato di Philadelphia, e le storia si snoda negli ambienti malfamati del quartiere tra personaggi dalla dubbia moralità, poliziotti corrotti, tossici e giovani prostitute. Un’incursione nella società americana che la penna di Liz Moore ha reso molto realistica.

Il racconto si apre sulla scena di un delitto, quello di una giovane prostituta, da cui si discosta quasi subito per spostarsi sulla protagonista, Michaela Fitzpatrick, agente di polizia e voce narrante, che inizia un racconto del suo passato e quello di sua sorella e la sua ricerca di quest’ultima. I due filoni narrativi si alternano, fino alla fine, in un arco temporale che è un “allora” e “adesso”. Passato e presente che si lasciano e prendono continuamente tramite eventi di adesso che portano a riflettere su scelte di allora, per, poi, ritornare ad adesso.

Nel corso della storia c’è un prendere coscienza da parte di Michaela delle implicazioni psicologiche che gli eventi familiari e sociali passati, hanno avuto sulla vita sua e quella di sua sorella portandole ad essere quello che sono: due persone diametralmente opposte, ma che, in qualche modo, nonostante il distacco e le incomprensioni nel loro vissuto, sono sempre legate una all’altra.

Ci allontanammo sempre più l’una dall’altra. Senza di lei la mia solitudine diventò clamorosa, un rumore di fondo costante, un arto supplementare, una lattina vuota che mi tiravo dietro ovunque andassi

Rimaste orfane, ancora bambine, sono cresciute, dalla nonna Gee, in un ambiente in cui l’affettività è sempre stata latente, ma una ne “sembra” uscita responsabile e retta in grado di un riscatto sociale che l’ha vista elevarsi rispetto all’altra rimasta vittima del degrado, della prostituzione, di una vita ai margini, un destino quasi ineluttabile sancito dal mondo di nascita e crescita. Due sorelle in contrapposizione che, nonostante la vita le abbia separate, trovano la forza di unirsi per superare le difficoltà di un destino molto duro.

Liz Moore ha una scrittura fluida e scorrevole, le sue descrizioni sempre precise e attente, non mancano di crudezza quando necessario, anche se, secondo me, in alcuni momenti si dilunga un po’ troppo in esse, ma, probabilmente, è ciò che rende la storia alquanto realistica. I personaggi sempre ben delineati denotano uno studio attento nella costruzione della loro psicologia ed emotività. Niente viene lasciato al caso, ogni tassello del puzzle è messo con estrema cura, fino a portare una storia articolata ad un finale chiaro e ordinato come un puzzle appena completato.

Un romanzo forte che pian piano arriva a colpirti, ne consiglio la lettura.

Questo libro è per chi ha un posto segreto dove conservare i ricordi più cari, per chi ha visto cadere la neve sul palco dello Schiaccianoci, per chi da piccolo storpiava irrimediabilmente ogni parola, e per chi ha trovato il coraggio di affrontare i propri errori in nome della verità, per aprire gli occhi sul mondo come fosse la prima volta.

“Niente caffè per Spinoza” di Alice Cappagli

Un libro simpatico e delicato che consente un tuffo nella “toscanità” sia come linguaggio, che lo rende divertente e leggero, che come luoghi, perché ambientato principalmente a Livorno, simpatico è anche l’aneddoto che diventa poi il titolo del libro.

Un romanzo che racconta una storia che, per la sua semplicità e il realismo delle situazioni, viene di chiedersi se non sia vera. La storia dell’amicizia che nasce e cresce tra la “Marvi” Maria Vittoria, “perché il nome è importante” e il “Professore”, presso cui svolge il suo lavoro di governante e non solo. Infatti, per contratto, la Marvi ha il compito, oltre di rassettare la casa e cucinare, di leggere per lui. Sono essenzialmente massime di filosofi come Pascal, Epitteto, Voltaire , ecc, quelle che la Marvi andrà a leggere. Massime che il Professore conosce tutte a memoria, indicando ogni volta alla Marvi dove andarle a cercare con esattezza e ripetendole con lei se non addirittura completandole prima che lei finisca di leggerle

L’aveva sussurrata con me, parola per parola, e mi chiesi perché avesse voluto farmela leggere se la sapeva a memoria. Ma forse è come quando ti piace una canzone, che l’ascolti mille volte per risentirla”

Maria Vittoria vive un periodo difficile della sua vita e del suo matrimonio e nell’incontro con il Professore, ormai cieco da dieci anni, ma che vede benissimo nelle persone, che riesce anche solo ascoltando il cigolare di una porta a capire come sarà il tempo, che “riesce a vedere l’invisibile”, trova tante risposte alla sua inquietudine.

La loro amicizia nasce piano, come pian piano il Professore le rivela e racconta se stesso per mezzo della conoscenza che lei fa con la sua famiglia, i suoi amici, i ricordi sparsi per la casa e le sue massime e mentre la vita di Maria Vittoria dalla conoscenza di tutto ciò e dalla consapevolezza di “quanto può essere utile la filosofia nella vita di tutti i giorni” trova un nuovo stimolo per cambiare e andare avanti, quella del Professore che è malato ed ormai anziano va pian piano spegnendosi abbracciato dall’amore e dalla cura di questa nuova amicizia e di quelle passate.

“Niente caffè per Spinoza” è un libro intenso, colmo d’amore, che fa riflettere, poichè tutte le questioni sollevate dai grandi filosofi che sembrano così complicate e incomprensibili, il Professore le rende materia per riflettere sulla vita di ognuno di noi perchè ci sono più vicine di quanto possiamo immaginare.

“Mi era parso impossibile aver creato un pensiero così perfetto” (Maria Vittoria)

“Il peso”

Non è l’ennesimo post sulla dieta, ma “Il peso” è il titolo del libro che ho terminato di leggere in questi giorni, di Liz Moore.

“Ogni sera mi ripeto che domani sarà diverso e nuovo, che domani sarà meno brutto, anche di poco”

Sto pensando cosa scrivere di questo libro, perchè voglio scriverne, ma sono in difficoltà, non so da dove cominciare, per farvi capire di più dovrei narrarvi la storia, ma poi ne rovinerei la lettura. Posso, però, dirvi che ha smosso dentro di me una ridda di sensazioni che, in qualche momento, mi hanno fatto andare in crisi.

Vi consiglio di leggerlo anche se so che a qualcuno potrebbe non piacere. Io stessa mentre leggevo non riuscivo a capire quanto mi piacesse. Diversamente dal solito, che un libro lo divoro, ho interrotto la lettura diverse volte, mi sentivo tremendamente triste, sentivo il bisogno di staccare un pò e pensare ad altro, ma l’ho ripresa sempre, perchè si intuiva che sarebbe arrivato meglio. Adesso, dopo averlo metabolizzato, se dovessi dargli un punteggio, credo che il massimo sarebbe giusto. E’ un libro che fa riflettere, che fa vivere delle emozioni intense, si fa leggere bene, c’è forse un eccesso di descrizioni, ma la lettura scorre, comunque, fluida e fa ben sperare. Si mi è piaciuto!

Ho letto il libro dietro il suggerimento di un amico, non so se sia uno di quei libri che avrei comprato incrociandolo casualmente su uno scaffale in libreria, ma ho voluto fidarmi di chi me l’ha consigliato e l’ho acquistato.

Nel voto positivo che do al libro concorre un anedotto, nella prima pagina, grazie al quale è scattata la molla che mi ha spinto ad iniziare seriamente una dieta

Sono passati anni dall’ultima volta che sono stato in uno studio medico e allora ne pesavo duecentoquindici e hanno dovuto mettermi su una bilancia speciale.

non perchè sia sui 200 kg come il protagonista Arthur Opp, ma proprio per non arrivare mai ad un peso tale, finchè i kg da perdere non sono troppi, meglio darsi da fare. La “bilancia speciale” mi ha subito fatto pensare a quelle con cui pesano gli animali oppure i camion prima senza e poi a pieno carico. Se, all’inizio, ho usato questo aneddoto per far ridere la mia famiglia, sul perché ho iniziato la dieta , la realtà è che non reggerei all’imbarazzo nel sentirmi dire “Signora venga andiamo alla bilancia speciale” .

Ebbene si uno dei protagonisti del libro è un uomo in soprappeso, ma un sovrappeso importante non quelli di cui ci lamentiamo spesso noi donne che ci vediamo la pancia o il culone e urliamo “Ahhhh sono obesa”. Arthur Opp è un uomo molto grasso, maledettamente grasso, ma continua a mangiare tutto quello che vuole e non perde occasione per consolarsi con una buona dose di prelibatezze, apre il frigo e tira fuori di tutto, in casa sua c’è ogni tipo di cibo che acquista sempre online. Per Arthur, però, “il peso” non è solo quello corporeo, ma dietro a quel peso c’è molto di più.

Infatti, il tema che il libro tratta è il “peso della solitudine”, sia della solitudine auto imposta come quella di Arthur Opp che della solitudine causata dall’abbandono degli altri.

I personaggi sono tutti esseri fragili, descritti con una certa eleganza, che per scelta o no, sono soli e si sono incontrati nel corso delle loro vite. In ognuno di essi c’è il desiderio di riscatto da questa solitudine e lo cercano nella maniera che è loro più congeniale.

Tutti e due nascosti nelle nostre case, raggomitolati in noi stessi in solitudine. Entrambi soli. Avrebbe potuto essere tutto diverso, ho pensato. Molto diverso. Ma non ci ho riflettuto più di tanto.

Un libro che mi ha fatto riflettere molto sulla solitudine che è diversa dal mio amare “star sola”, che quando voglio ho la possibilità di avere compagnia o di confrontarmi con gli altri, uno “star sola” a cui, però, non vorrei un giorno abituarmi troppo da dire “Ma non ci ho riflettuto più di tanto” oppure “Mi sentivo destinato alla solitudine, certissimo che un giorno mi avrebbe trovato, così quando è accaduto non mi sono stupito e l’ho perfino salutata con gioia

Buona lettura a tutti solitari e non!

“La zirba” di Irene Tortoreto

Una favola per grandi e piccini.

Le favole dove stanno?
Ce n’è una in ogni cosa:
nel legno del tavolino,
nel bicchiere e nella rosa.
(Gianni Rodari)


L’autrice ho iniziato a conoscerla, casualmente, qui in WordPress. I suoi articoli sono sempre piacevoli da leggere, ha un modo scorrevole di proporsi, pulito e con il giusto accenno di ironia. Dopo aver letto qualche suo articolo ho scoperto che è una scrittrice ed ha già pubblicato il suo primo libro; quindi, una curiosa come me non poteva non leggerlo. Avrei voluto aspettare il cartaceo, ma poiché non mi arriverà prima di giugno e la curiosità c’è … Ho scaricato l’ebook.

Un libro che ti prende e ti porta con se.

Mi sono letteralmente immersa nel suo mondo da favola, tra gnomi operosi e natura da incanto, quasi trattenendo il respiro fino alla fine per paura di rovinare la magia.

Da subito mi sono sentita un pò Irma, la protagonista, ma come al mio solito non vi svelo la trama della favola per non rovinare la sorpresa: riporto solo le mie sensazioni.

La narrazione scorre fluida ed elegante e non risparmia descrizioni accurate che ti avvolgono come una una nuvola di colori e non sai a cosa dare attenzione perché ogni particolare la merita.

Irma è alla ricerca della felicità; del resto tutti noi siamo un pò Irma e, come lei, rincorriamo la felicità. La strada che ci indica Irene (l’autrice) è sicuramente la più indicata per farlo … Trovare il coraggio di lasciarsi guidare dalla curiosità, di scrollarsi di dosso paure, stereotipi e credenze limitanti ed assecondare i nostri sogni e bisogni in un cammino di ricerca che ci porterà senz’altro a scoprire cosa è la felicità e ciò di cui abbiamo bisogno per viverla appieno.

Non meno importanti, di questo suggerimento che ci viene dato, sono i valori di cui è intrisa la favola: “rispetto degli altri e della natura”, che si evincono dai modi garbati di Irma; la forza degli gnomi che fanno “comunità”; la “solidarietà” degli stessi; “la famiglia” di Irma da cui lei trae ispirazione e insegnamento; valori accennati con semplicità ma che arrivano con forza.
Grazie Irene per la bella favola che mi hai permesso di vivere e complimenti per averla scritta, merita, sicuramente, di essere letta e di essere raccontata.

Il giallo delle pagine mischiate

Questa mattina ho letto un libro, un libricino, un libretto, non saprei. Sono solo 123 pagine, un libro che mi ha lasciata basita, divertita, incuriosita, un libro che ha raggiunto il suo scopo. Onestamente c’ho capito molto poco, però mi sono divertita nella lettura e lo rileggerò una seconda volta per vedere se riuscirò a dargli un senso.
L’ho trovato sul comodino di mio marito e mi ha, da subito, intrigata la copertina su cui c’è anche attaccato il bollino con il nome della libraia della Feltrinelli che l’ha consigliato, e mi sono anche chiesta “Chissà se ha gusto nel consigliare?”

Leggere è andare incontro a qualcosa che sta per essere e ancora nessuno sa cosa sarà.
(Italo Calvino)

Una volta preso in mano anche la carta mi ha dato subito una bella sensazione tattile e a quel punto non ho resistito, lasciato il fare e il da farsi mi sono distesa sul letto, ancora sottosopra, e mi sono immersa nella lettura fino a dimenticare il pranzo “Oh mà? Non si pranza oggi?”
È un libro bizzarro, un giallo un pò strambo, di cui al momento non mi è chiaro molto, ma che ha raggiunto il suo scopo, tenermi impegnata a leggerlo fino alla fine in uno stato di attesa e di divertimento, l’attesa di capirci qualcosa e il divertimento per non averci capito nulla.
Si tratta di un libro nel libro e forse ancora nel libro, un pò come il gatto che si mangia la coda, ogni libro in qualche modo ti riporta all’altro libro. Sono due filoni narrativi nella stessa storia e, mentre di uno si segue un filo logico, dell’altro, il giallo, che è il protagonista della storia, non esiste un ordine e la storia è proprio qui, nelle “pagine mischiate”, nel fatto che regni il caos, quindi continui a leggere pensando che prima o poi il caos prenderà un ordine.
Esiste una storia, anzi 2 e forse anche 3, la terza lasciata più all’immaginazione di chi legge, ma dico solo che è ambietata a Parigi, non dico altro, non voglio fare spoiler, mi serve dire di Parigi perchè, a tratti, ho avuto quasi la sensazione di leggere un qualcosa di Daniel Pennac, non so se proprio perchè c’è Parigi di mezzo o se per i nomi dei personaggi o i personaggi stessi che mi hanno riportato alla mente alcuni dei suoi o forse, un pò, anche il modo di scrivere, con precisione non lo so, ma è stata la mia sensazione.
L’autore è Pablo De Santis, di Buenos Aires, del 63. Non lo conoscevo, ma ho letto nella biografia in fondo al libro che è un importante e famoso autore conosciuto in molti paesi. Ho visto anche che il libro è catalogato come libro per ragazzi, non lo sapevo, ma anche se non sono più una ragazza mi è piaciuto lo stesso.
Cosa dirvi ancora? Buona lettura se decidete di leggero, io lo rileggo di nuovo provando a dare un ordine ai capitoli e magari chissà, potremmo confrontarci e vedere se abbiamo dato lo stesso ordine, ma può rimanere anche disordinato com’è, resta comunque un libro gradevole, del resto “il disordine non è sempre caos. A volte è un altro ordine. Però segreto” lo ha detto l’autore, mica io!

Favola d’amore

una lettura di Hermann Hesse breve, ma intensa, che ho ripreso in mano questa mattina, mentre spolveravo la mia libreria. Ho pensato di condividerla con voi, magari la conoscete già, ma se non la conoscete ve la consiglio. Si tratta di un libricino di appena 7 pagine, da leggere nella pausa caffè o tra un spolverata ai mobili e l’altra. Se fosse una canzone vi direi di “ascoltarla” ad occhi chiusi, racconta di un mondo magico da sognare e immaginare mentre si sta leggendo … un mondo in cui Pictor riesce a capire il vero senso del vivere … una favola d’amore come la definisce lo stesso Hermann Hesse. Non aggiungo altro per non togliere la curiosità di leggerlo, per me, questo libricino, è stato una bellissima scoperta, lo sfoglio spesso, lo rileggo e ogni volta mi dice qualcosa di nuovo …

“Lui invece, l’albero Pictor, rimaneva sempre lo stesso, non poteva più trasformarsi. Dal momento in cui capì questo, la sua felicità se ne svanì: cominciò ad invecchiare e assunse sempre più quell’aspetto stanco, serio e afflitto, che si può osservare in molti vecchi alberi. Lo si può vedere tutti i giorni anche nei cavalli, negli uccelli, negli uomini e in tutti gli esseri: quando non possiedono il dono della trasformazione, col tempo sprofondano nella tristezza e nell’abbattimento, e perdono ogni bellezza.” (Favola d’Amore-  Hermann Hesse)