Blog

Giochiamo?

La domenica è sacra e a me piace trascorrerla in assoluta serenità, circondata da amici. Domenica scorsa, mentre sonnecchiavo, Raoul e George si sono presi cura di me, massaggiandomi a turno i piedi mentre Maria De Filippi rinfrescava l’aria sventolando una foglia di banano.

Il suono di un messaggio in arrivo mi ha costretta ad aprire gli occhi e a congedare i miei amici che son tornati alle rispettive dimore, la Defi dal suo Maurizio, Raoul Bova dalla sua Rocio e George Clooney su quel ramo del lago di Como .

“Quarantenastyle a che punto sei con i compiti?”

Dovete sapere che io e Libera-mente (per chi non lo sapesse, la mia compagna di blog) non avendo una cippalippa da fare tutto il giorno a parte lavorare, cucinare, pulire, fare la spesa, seguire figli e nipoti (de zia), abbiamo avuto la brillante idea di iscriverci a un corso di scrittura creativa .

Da brave scolarette ci incontriamo più volte alla settimana per copiare.. ehm per fare i compiti, ma non potendo percorrere 1200 km al giorno i nostri incontri avvengono tramite whatsapp .

“A che punto sei, con il testo sulla stanza vuota?”

“Mah, ti dirò, pensavo peggio. Certo che 600 battute spazi compresi sono troppo poche per descrivere una stanza completamente vuota”.

Il compito a casa, come avrete capito, prevedeva la stesura di un breve testo descrittivo, libero da sentimenti, impressioni, opinioni, ricordi e di qualunque altra implicazione umana . Solo una mera e pura descrizione, alla “Immobiliare.it”.

La possibilità di scegliere tra qualunque tipologia di stanza, di abitazione e di dislocazione geografica ha reso questo compito ancor più divertente. Topaie, residence di lusso , case al mare, grotte e cucine sono state il fil rouge di questa nostra domenica afosa, ma dopo ore di condivisioni si sono avvertiti i primi segni di sfinimento :

Bene, se siete arrivati a leggere fin qui è perché tutto sommato ci volete bene 😁😁😁

Ma ora tocca a voi!

Come ve la immaginate una stanza vuota ?

Sbizzarritevi, attendiamo i vostri testi coi quali in seguito faremo un piccolo collage in un nuovo post, ovviamente attribuendo i testi ai rispettivi autori, con il link al loro blog .

Intanto, se ancora avete voglia di leggere, vi riportiamo qui sotto il frutto del nostro sudato lavoro domenicale . Buona lettura !

🌞🌝🍔🌭🥓🥩🧀🥐🥯🍖🍕🔥🌞🌞🌞🌞

La stanza vuota (By Libera-mente)

La parete più bassa della stanza è una grande vetrata da cui si accede al terrazzo che guarda il mare e da dove, intenso, giunge il profumo dei tigli, di cui si vedono solo le fronde più alte.
Il blu chiaro delle pareti predomina e contrasta con il bianco degli infissi, della ringhiera lignea che, in un angolo, protegge l’accesso alla scala e del soffitto a spiovente. In alcuni punti delle pareti si notano gli aloni lasciati dai quadri.
Sul pavimento in legno è evidente il contrasto di colore creato dall’usura del sole e dal calpestio in alcuni punti rispetto ad altri, che, nel tempo, sono stati protetti dagli arredi.

La grotta vuota (by Quarantenastyle) .

La stanza in fondo al tunnel è fredda e vi si accede attraverso un varco. Al suo interno si stagliano stalattiti e stalagmiti, brillanti alla vista ma umide al tatto. Una goccia scava nel terreno, il suo ticchettio scandisce le giornate. Al centro un corso d’acqua scorre lentamente trasportando foglie e piccoli detriti. Il muschio riveste completamente la parete nord. Qua e là, piccole pozzanghere di acqua stagnante emanano odori pungenti. La luce filtra attraverso passaggi naturali che non garantiscono riparo in caso di pioggia. Tra le cavità si annidano pipistrelli, insetti e piccoli roditori.

La stanza vuota (by Quarantenastyle)

Il rumore del traffico riecheggia nella stanza, tra le pareti beige leggermente scrostate. Sul pavimento in graniglia, consunto dall’uso, i segni geometrici lasciati dai mobili. Lungo i muri i solchi in rilievo delle tubature dell’acqua giungono fino a un vecchio rubinetto che fa capolino tra le piastrelle unte. Un soffio di vento filtra attraverso il foro della cappa mitigando l’odore di stantio, la tendina della finestra che si affaccia sul balcone si agita leggermente. Attraverso il buio, interrotto dalla luce di un lampione, si scorge l’ombra di un saliscendi posto al centro della stanza.

Finalmente …

un pò di tempo per il blog, per lasciarvi un saluto veloce. Il corso online seguito insieme alla mia socia, amica, quasi sorella, ma soprattutto “compagna di scarpe” è terminato e, finalmente siamo in vacanza. Siamo rimaste così entusiaste del corso che abbiamo deciso, a settembre, di iscriverci anche a quello avanzato.

Quindi posati momentaneamente carta e penna, ops tastiera e tablet, da domani mi aggiornerò sulle vostre storie e spero di aggiornarvi sulle mie. Le congiunture astrali negative, o la sfiga, o il destino avverso, o dei grossi nuvoloni, non so cosa con precisione, continuano ad aleggiare sulla mia vita, ma qualche barlume di cielo sereno si comincia a vedere e, comunque, appena posso continuo a perdermi davanti ai miei tramonti pensando che sono abbastanza tosta da spuntarla su tutto.

À bientôt mes amis!

La foto di copertina è dal mio archivio “a caccia di tramonti” tramonto sul lago Trasimeno

la cattedra

Non siamo scappate con la cassa e neppure col professore della casa di carta anche se l’idea non ci spiacerebbe .

Semplicemente, molto semplicemente, ci siamo iscritte ad un corso online, con tanto di professore in cattedra ed una quindicina di allievi di tutte le età e tra verifiche, compiti a casa e “tesi” finale, di tempo ce ne rimane ben poco .

Ma non disperate, le streghe son tornate … vabbè, stanno tornando . Martedì ultima lezione e poi finalmente iniziano le vacanze. 😁

Stay tuned (cit.) e au revoir 😁😁😁

I migliori insegnanti sono quelli che vi mostreranno dove guardare, ma non vi diranno cosa vedere (Alexandra Trenfor)

La suocera

Mai ruolo fu più inviso a generi e nuore, ma credetemi nemmeno le suocere lo amano molto, se potessero lo rifiuterebbero volentieri. Lo dico da suocera.

Perché quando diventi suocera, indipendentemente da quale siano il tuo carattere o la tua mentalità, tutti i preconcetti, i detti e non detti sulla categoria sono li che incombono sulla tua testa e, come una spada di Damocle, al primo errore, che sia tuo o di qualcun altro, son pronti a trafiggerti.

Di solito la suocera più invisa al grande pubblico è la mamma di lui , in parte lo confermano anche la narrativa e la cinematografia. “Come difendersi dalla suocera” “Mia suocera è un mostro” tutte autrici al femminile, anche nel film “Quel mostro di suocera” con Jennifer Lopez, il mostro è la mamma di lui.

Credo che i tempi stiano un pò cambiando e cominci anche la mamma di lei a diventare “la suocera” sempre in mezzo, sempre a dispensar consigli e a monopolizzare il poco tempo libero della figlia per fare: shopping insieme, dal parrucchiere insieme, l’estetista insieme, in palestra insieme. Ovviamente sono solo lamentele che ho sentito da conoscenti, ma se qualche maschietto o mamma vogliono dire la loro sarò bel lieta di leggere.

Io ho una suocera fantastica, a cui sono molto affezionata, siamo andate sempre molto d’accordo rispettando ognuna gli spazi dell’altra. Mi ha sempre aiutata quando ne ho avuto bisogno, mi ha elargito consigli quando li ho chiesti. L’unico rito, costante nel tempo, è stato il pranzo della domenica, ma senza stress. Si poteva accettare o non a lei andava bene lo stesso. Per tutto il resto, o quasi, si è fatta i ca@@i suoi. Non perchè fosse menefreghista o non amasse suo figlio, o i suoi nipoti, ma proprio per amore di tutti è sempre stata quel passo indietro che ha fatto funzionare tutto.

Quando l’ho conosciuta era una giovane donna di 39 anni, che lavorava e si prodigava per la sua famiglia e non ha mai smesso di farlo. Continua anche ora che è anziana e vedova, provando ad essere il più autonoma possibile. A volte le imponiamo il nostro aiuto, per timore che faccia i complimenti, perché lei lo chiede solo quando è veramente impossibilitata a fare da se. Proviamo ad invitarla a pranzo ogni domenica,  ma non sempre ne ha voglia.

Mia mamma, invece, è stata una suocera un pò più difficile, la sua voleva dirla, richiesta o no, non poteva farne a meno. La tecnica di tutti noi della famiglia, per sopravvivere, è sempre stata lasciarla parlare e subito dopo dimenticare. Però, anche lei, è sempre stata una suocera autonoma. Alla morte di mio padre lei, che aveva quasi 65 anni, a mia insaputa perché ero contrarissima e non volevo caricarmi di una ulteriore preoccupazione pensando agli automobilisti che l’avrebbero incrociata, prese la patente per non chiedere passaggi a nessuno. Le dovetti dire “Chapeau mamma!” (poi un giorno vi racconterò la storia di mia mamma alla guida).

Ed io che suocera sono? Specialmente, per il fatto che abito vicino a mio figlio e sua moglie, ma non ci vediamo mai, una che si fa i cavoli, zucchine, pomodori, ecc, ecc, suoi. Tengo a dire che sono così proprio come indole. Sono una che vive nel suo mondo, spesso con la testa, ma anche i piedi, tra le nuvole. Comunque, per fare il meglio possibile il mio ruolo di suocera mi sono ispirata molto alla mia e poco a mia mamma.

Ci sono e non ci sono, non vedo, non sento, se richiesto da entrambi corro o do il mio consiglio, non invito a pranzo con regolarità, ma sanno che alla mia tavola il posto per loro c’è e ci sarà sempre, anche senza preavvisi.

Ho la mia vita da vivere, non voglio certo vivere la loro!

Direi che ha funzionato tutto alla grande finché non ho avuto uno scambio di opinioni con un’amica psicologa.

Lei sostiene che abitare vicino ai genitori è la rovina delle coppie, perchè le suocere si intromettono sempre “Ai miei pazienti consiglio di andare ad abitare lontano”

Mi è sorto un pò il dubbio che parlasse alla nuora per far intendere alla suocera, al che mi sono sentita in obbligo di ribattere.

Le ho fatto notare che, se lei ha problemi con sua suocera, sua mamma, sua nonna, suo marito, (nemmeno vivono nella sua stessa città) questi problemi non godono della proprietà transitiva e passano automaticamente ai suoi pazienti. Ed, inoltre, che conosco genitori che abitano vicino ai figli sposati e con quest’ultimi non hanno problemi, vedi me e se li ho non ne sono a conoscenza.

Cara la mia amica il consiglio giusto che dovresti dare non è quello di cambiare casa o di andare lontano, ma di liberarsi della suocera, quella giusta, che non necessariamente è quella che abita vicino.

Non esistono mogli o mariti perfetti. Figuriamoci le suocere.
(Papa Francesco)

Sunset

Puntuale, sera dopo sera,  arriva lui che, come musica per l’ anima, attenua ogni mia preoccupazione

Nozze nel bosco

Questa mattina c’è un gran movimento nel condominio di fianco al mio.

Gli abitanti sono molto indaffarati e con le loro chiacchiere e il gran movimento, sono riusciti a svegliarmi. Ormai sveglia, non  posso far altro che andare a vedere cosa stia succedendo.

Armata di cappuccino con tanta schiuma e ancora mezza rinco dal sonno (o forse completamente rinco) mi sistemo sulla sedia a dondolo in terrazza, il mio punto di osservazione privilegiato.

Il condominio è proprio davanti al mio balcone, all’inizio era un piccolo condominio, ma negli anni si è ampliato, i piani sono aumentati e ormai ha superato in altezza la mia palazzina, ovviamente, anche gli abitanti sono aumentati.

È un pò rumoroso, specialmente la mattina presto, come oggi. Alle prime luci del sole sono già in movimento, ma è una confusione piacevole da sentire, il risveglio della natura.

Sono di diverse etnie, qualcuno autoctono, altri migrati dal sud africa, ma convivono in perfetta armonia.

Son tutti li che corrono su e giù, un momento uno di loro è al primo piano, il momento dopo al terzo, si spostano anche nei condomini adiacenti, vanno e vengono senza sosta. Sembra stiano organizzando qualcosa di importante, canticchiano allegramente, qualcuno fischietta e qualcuno fa un suono strano che sembra un oboe, ma son tutti li indaffarati, saltellano su e giù in qua e in là, ogni tanto si fermano e si guardano intorno.

Penso si stiano preparando per un matrimonio, c’è anche il wedding planner che, dal suo punto di osservazione, si preoccupa che tutto proceda secondo i piani …

Direte “Perchè proprio un matrimonio?”

Perchè ascoltandoli mi è tornata in mente questa canzoncina che cantavo sempre ai miei figli “Nozze nel bosco” e prima di finire nel loop “la canzone che mi passa per la testa” vado a cercarmi altro da canticchiare, anche se, ormai, sarà molto difficile uscirne … “Nel bosco si sposarono l’allodolo e l’allodola … tutti gli ospiti canticchiavano molto lieti di esser li …”

Buon sabato canterino a tutti!

Quella volta che … part two (che fa tanto figo)

È cosa nota e universalmente conosciuta che due amiche che si vedono raramente , quando si incontrano per una vacanza , la vacanza stessa sarà indimenticabile.

È così è stato . Cinque giornate intense, trascorse all’insegna della spensieratezza, lontano dalle difficoltà della quotidianità. Cinque giornate dedicate al sano e puro divertimento. Cinque giornate alla Super Mario Bross (cit), con la partecipazione straordinaria di uno dei miei indiani che ancor oggi ricorda con piacere quelle giornate indimenticabili.

Perugia, Assisi, Gubbio, Spoleto, Norcia , Corciano, la scalata di Roccaporena, le piade, i cojoni di mulo e quelli de’ mi’ nonno, le risate, le chiacchierate , le abbuffate, la metropolitana sospesa, le scale mobili, la torta al formaggio, le colazioni in terrazza, la casa dei Baglioni, la torta al testo alla Cibottola, le nuotate in piscina, le partite a carte ed il favoloso RAFTING sul fiume Corno. 😁

Rafting. Quando Libera-mente me lo propose pensai che fosse leggermente fuori di testa (un po’ lo è, altrimenti non saremmo state amiche 😁). Ho sempre creduto che il rafting fosse qualcosa per capitani coraggiosi, per gente abituata a divertirsi a bordo di blue tornado e space vertigo e non per gente come me, che prima di salire sulla ruota panoramica si affida a tutti i Santi del Paradiso.

Eppure, quasi senza rendermene conto, mi son ritrovata al suo fianco con in mano una pagaia, alle spalle dieci minuti di lezione e addosso una muta in neoprene che neppure Naomi Campbell ai tempi d’oro avrebbe osato indossare.

Il resto è puro divertimento, documentato da decine di fotografie e videoregistrazioni: il salto sugli scogli , il gommone ingovernabile, le cadute nell’acqua corrente, le corde per non cadere nei punti critici, la rassegnazione dell’istruttore, le nuotate, ma soprattutto … il salto della cascata. Si agevoli il filmato, pliiiiis ❤️

P.s. Certo, lo sappiamo , ad un certo punto il filmato si blocca , ma da perfette Naomi mancate, col cavolo che postiamo i nostri cosciotti avvolti come salami sul blog !

Quella volta che … (parte uno)

molti anni fa Quarantenastyle (per chi non lo sapesse la mia compagna di blog) venne a fare una breve (troppo) vacanza nella mia regione, ospite a casa mia, insieme al più piccolo dei suoi indiani. Stabilito il periodo, subito cominciai a pensare cosa potevo organizzare affinché la vacanza restasse impressa nella sua mente e in quella dell’indianino e, più che altro, che lui non ricordasse il suo viaggio a Perugia, dall’amica di mamma, come una rottura de ball o, per lo meno, non come una completa rottura de ball, perché un po’ di rottura non potevo proprio evitarla.

È noto che la mia è terra di santi e per la sua bellezza è stata, anche, d’ispirazione per alcuni poeti, ma un ragazzo di 12 anni non lo colpisci portandolo sul cammino di San Francesco, Santa Chiara, Santa Rita o San Benedetto da Norcia, tanto meno mostrandogli il panorama che fu d’ispirazione a Dante e che citò nell’XI canto del Paradiso.

Intra Tupino e l’acqua che discende del colle eletto dal beato Ubaldo,
Fertile costa d’alto monte pende,
onde Perugia sente freddo e caldo da Porta Sole;
e di rietro le piange per grave giogo Nocera con Gualdo (Dante, Divina Commedia, Canto XI -Paradiso)

Figuriamoci se li portavo a rimirar le fonti del Clitunno che colpirono così tanto il Carducci da ispirargli, la poesia “Alle fonti del Clitunno” che fa parte della raccolta “Odi barbare”

Tutto ora tace, o vedovo Clitunno,
tutto: de’ vaghi tuoi delúbri un solo
t’avanza, e dentro pretestato nume
tu non vi siedi (Giosuè Carducci)

Mi serviva qualcosa alla Super Mario Bross, per coinvolgere un dodicenne nella mini vacanza, magari non proprio una principessa da salvare, ma qualcosa che ci facesse saltare, correre o arrampicarci, qualcosa di inusuale.

Iniziai a vagliare tutte le possibilità che la mia regione offriva dalla speleologia (ma io con le grotte ho qualche problemino), alle arrampicate (non se ne parla e se le corde non tengono?), il deltaplano (quasi, quasi, ma Quarantena non prende nemmeno l’aereo) …. raftinggg!!! Siiii l’acqua è il mio elemento! Sul Corno o sul Nera? Prese tutte le informazioni al riguardo … fu rafting sul fiume Corno … evvai di avventuraaa!!!

Cosa non meno importante insieme al rafting in val Nerina, oltre la norcineria potevo rifilargli qualche santuario tipo Cascia e, a Roccaporena, la scalata (quasi roba da Super Mario) fino alla cima dello scoglio dove Santa Rita si ritirava in preghiera.

La vacanza ha funzionato? Echevelodicoaffà? Quarantena dopo dieci anni ancora ne parla, l’indianino, che ormai è un pellerossa adulto e cavalca la prateria in piena libertà, qualche sorriso, allora, lo aveva accennato … quindi si spero di si … ho iniziato a lavorare sulla prossima, sono indecisa tra lancio con il paracadute, lancio con il parapendio o, forse, meglio un tranquillo giro in canoa sul lago Trasimeno? La vacanza scorsa quest’ultimo lo abbiamo trascurato.

Quarantenastyle quand’è che arrivi?

Stay tuned (miiiii da quanto volevo scriverlo 😀 ) …. presto Quarantenastyle con la seconda parte.

Se dico lenticchie …

sono quasi certa che a qualcuno verrà subito in mente il cotechino o le salsicce, qualcun altro penserà ai loro effetti benefici per la salute oppure alla fortuna che dovrebbero portare se mangiate durante il cenone di capodanno. Non so quanti di voi, invece, penseranno alle lenticchie prima che finiscano nel piatto, quando ancora sono nel campo quasi pronte per essere raccolte.

Nella mia regione e nello specifico nel Pian grande di Castelluccio, altopiano della catena dei Sibillini, al confine tra Marche e Umbria, ogni anno avviene la fioritura delle lenticchie e di tanti altri fiori come fiordalisi, papaveri, senape selvatica, camomilla bastarda, leucantemo, specchio di venere, che raggiunge il suo culmine verso fine giugno inizio luglio. Si tratta di uno spettacolo unico per gli occhi, un panorama arcobaleno che si estende per tutto l’altopiano, lo si potrebbe osservare per ore lasciando fantasticare la nostra mente in quel quadro impressionista che solo la natura può dipingere così bene.

Sembra che quest’anno sia in corso la più bella fioritura di sempre e questa è, proprio, la settimana perfetta per osservarla poiché sta raggiungendo il suo apice. Se siete impossibilitati quest’anno, vi consiglio di mettere la partecipazione a questo evento in agenda per il futuro, resterete sicuramente soddisfatti.

Ovviamente la zona di Castelluccio non è famosa solo per la fioritura, ma è anche un’ottima località per una vacanza all’insegna del relax o dell’avventura; non mancano luoghi d’incanto da visitare, passeggiate da fare a piedi o in bicicletta o avventurarsi in deltaplano o parapendio per una visione dall’alto di tutto il comprensorio. Non meno divertente sarà lanciarsi in un avventuroso rafting, con salto di cascatella compreso, come facemmo anni fa io e la mia socia Quarantenastyle, nel fiume Corno poco distante, con a seguire panino con porchetta o coglioni di mulo e birra fresca, consumato nelle locali norcinerie.

Buona settimana fiorita a tutti!