Il nido è vuoto …

Oibò abbiamo iniziato in due, tempo quattro anni eravamo saliti a quattro e passati altri 11 anni la squadra di basket era al completo, mancava il pelosetto come mascotte che si è aggiunto 2 anni dopo.

Sono bastati una manciata di anni, tra l’altro volati via in un soffio, per fare il percorso a ritroso e, da un paio di settimane, ritrovarci in 3: io, mio marito e il pelosetto.

Anche l’ultimo dei ragazzi si è trasferito a Milano per intraprendere un nuovo corso di studi.

Il nido è vuoto … dovrei essere triste, sentirmi persa, abbandonata?

È la domanda che mi sto facendo in questi giorni o a cui le amiche mi costringono.

“Allora come stai? So che è partito anche il piccolo, non ti senti sola? È arrivata la sindrome del nido vuoto?”

Si mi mancano i miei figli, mi mancano le nostre chiacchiere, mi manca la loro presa in giro quando guardo qualcosa di commovente in TV e mi scendono le lacrime “Eccola eccola ci siamo … lacrimucciaaa!!!” o quando insieme ridiamo a crepapelle, mi manca commentare un film, un libro o qualche notizia con loro o fare qualche petteguless, mi mancano i pranzi e cene movimentati. Tantissimo mi manca ascoltare il più piccolo di loro suonare il pianoforte e mi sto scervellando su come riuscire a collocare un piano digitale nella sua minuscola casa milanese, perchè non vorrei che si allontanasse da questa sua passione.

Tutte queste mancanze, però, sono compensate dalla felicità immensa di sapere che stanno seguendo ognuno la loro strada, che lo fanno con serenità e tanto entusiasmo, quindi felici loro, felice io.

Siamo nell’era tecnologica e grazie ai cellullari le distanze si accorciano con un click e sempre con un click si colmano e annullano le mancanze.

Cosa non meno importante, ho tanto tempo libero tutto per me, forse troppo e, per il momento, tutto ciò mi fa sentire un pò frastornata, non c’ero più abituata. Penso al milione di cose che potrei fare e non concludo nulla, ma è bello anche vivere alla giornata, pian piano riuscirò a mettere in piedi i miei progetti, tra i quali non mancherà qualche buon viaggio a Milano a trovare i miei figli (scusa ufficiale), perchè il cazzeggio milanese l’ho sempre fatto e continuerò a farlo con la mia socia di blog Quarantenastyle.

Amali, nutrili, insegna loro la disciplina e lasciali liberi. Così avrete un buon rapporto per tutta la vita.
(Marry G. L. Davis)

Un pensiero riguardo “Il nido è vuoto …”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...