“Niente caffè per Spinoza” di Alice Cappagli

Un libro simpatico e delicato che consente un tuffo nella “toscanità” sia come linguaggio, che lo rende divertente e leggero, che come luoghi, perché ambientato principalmente a Livorno, simpatico è anche l’aneddoto che diventa poi il titolo del libro.

Un romanzo che racconta una storia che, per la sua semplicità e il realismo delle situazioni, viene di chiedersi se non sia vera. La storia dell’amicizia che nasce e cresce tra la “Marvi” Maria Vittoria, “perché il nome è importante” e il “Professore”, presso cui svolge il suo lavoro di governante e non solo. Infatti, per contratto, la Marvi ha il compito, oltre di rassettare la casa e cucinare, di leggere per lui. Sono essenzialmente massime di filosofi come Pascal, Epitteto, Voltaire , ecc, quelle che la Marvi andrà a leggere. Massime che il Professore conosce tutte a memoria, indicando ogni volta alla Marvi dove andarle a cercare con esattezza e ripetendole con lei se non addirittura completandole prima che lei finisca di leggerle

L’aveva sussurrata con me, parola per parola, e mi chiesi perché avesse voluto farmela leggere se la sapeva a memoria. Ma forse è come quando ti piace una canzone, che l’ascolti mille volte per risentirla”

Maria Vittoria vive un periodo difficile della sua vita e del suo matrimonio e nell’incontro con il Professore, ormai cieco da dieci anni, ma che vede benissimo nelle persone, che riesce anche solo ascoltando il cigolare di una porta a capire come sarà il tempo, che “riesce a vedere l’invisibile”, trova tante risposte alla sua inquietudine.

La loro amicizia nasce piano, come pian piano il Professore le rivela e racconta se stesso per mezzo della conoscenza che lei fa con la sua famiglia, i suoi amici, i ricordi sparsi per la casa e le sue massime e mentre la vita di Maria Vittoria dalla conoscenza di tutto ciò e dalla consapevolezza di “quanto può essere utile la filosofia nella vita di tutti i giorni” trova un nuovo stimolo per cambiare e andare avanti, quella del Professore che è malato ed ormai anziano va pian piano spegnendosi abbracciato dall’amore e dalla cura di questa nuova amicizia e di quelle passate.

“Niente caffè per Spinoza” è un libro intenso, colmo d’amore, che fa riflettere, poichè tutte le questioni sollevate dai grandi filosofi che sembrano così complicate e incomprensibili, il Professore le rende materia per riflettere sulla vita di ognuno di noi perchè ci sono più vicine di quanto possiamo immaginare.

“Mi era parso impossibile aver creato un pensiero così perfetto” (Maria Vittoria)

2 pensieri riguardo ““Niente caffè per Spinoza” di Alice Cappagli”

  1. Amo leggere ma ho poco tempo per farlo . Le tue recensioni sono quindi preziose perché in poche righe riesci ad immergerci nelle vite dei protagonisti rendendoci nel contempo partecipi delle tue emozioni . 😘

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...